Scheda: Austropotamobius pallipes.

Discussione in 'Schede' iniziata da MisterG, 5 Agosto 2006.

  1. MisterG

    MisterG New Member

    Austropotamobius pallipes


    Nome scientifico: Austropotamobius pallipes
    Famiglia: Astacidae
    Ordine: Decapodi
    Classe: Malacostraca
    Descrittore(anno): Lereboullet, 1858
    La famiglia f? definita da Latreille, 1802 e il genere da Skorikow, 1908
    Sinonimi, nomi comuni e/o vecchie nomenclature: Denominato il gambero di fiume europeo, altrimenti conosciuto con il nome di gambero dai piedi bianchi.
    Sinonimi usati nel passato sono: Astacus fluviatilis e Astacus pallipes




    Biotopo d'origine: Vive in quasi tutta l?Europa occidentale e in alcune zone balcaniche (Gran Bretagna e Italia comprese) in corsi d?acqua, torrenti e laghi freschi di montagna o di collina con fondo sassoso
    Pu? trovarsi anche in laghi e bacini di pianura ma con la condizione di un apporto costante d?acqua fresca, ben ossigenata e priva di inquinanti

    parametri vasca di allevamento

    Grandezza minima dell'acquario: Acquario capiente e possibilmente dedicato con pochi esemplari, fondo sassoso, pietre e radici legnose sommerse
    Zona occupata: Fondo, fra sassi e legni d?arredo
    Parametri fisici e chimici dell'acqua: Non tollera a lungo temperature superiori a 25 gradi, bene sopporta le temperature prossime allo zero.(temperatura ottimale fra 10 e 15 gradi)
    Poco resistente ad inquinanti, prodotti chimici, sali di rame, e variazioni repentine del PH, quest?ultimo dato deve essere compreso fra 7 e 8. Acqua corrente fresca e con buona ossigenazione
    Alimentazione: Onnivoro- Animali morti e vivi, anellidi, lumache, larve, piccoli pesci, girini, insetti , altri crostacei
    Compatibilit?: Non compatibile con lumache, piccoli crostacei e anfibi, compatibile solo con pesci di taglia elevata e viventi in acque fresche

    Descrizione della specie

    Morfologia: .Carapace robusto dalla colorazione marrone/verdastra e sfumature giallognole o pi? chiare in zona ventrale, chele robuste e rostro corto
    Taglia: Cm 12
    Comportamento inter ed intraspecifico: Attivo maggiormente durante le ore notturne, mentre di giorno tende a nascondersi in tane fra le rocce e il fondale, predatore di piccoli animali e all?occorenza cannibale verso esemplari della sua specie durante la muta, crostaceo scavatore, riesce a sradicare giovani piante. Aspettativa di vita fino a 10 anni in condizioni ottimali di allevamento
    Dimorfismo sessuale Maschio leggermente pi? grande.La femmina ha i pleopodi tutti uguali
    Riproduzione: Da settembre a ottobre in ambiente naturale avviene l?accoppiamento, riproduzione possibile in acquario d?acqua fredda con temperatura, ossigenazione e arredamento adeguato
    Le uova, di colore bruno scuro (il loro numero varia da 50 a 200), portate dalla femmina per 5 ? 6 mesi, soltanto il 15-20 % arrivano a maturazione.
    Le larve che nascono tra aprile e giugno, restano sul corpo della madre per i primi 10-15 giorni di vita.

    Altre note: Specie protetta in tutta Europa e vulnerabile verso la distruzione del suo habitat, l?inquinamento e la concorrenza portata da altre specie di origine americana, considerate pi? adattabili ( Procambarus clarkii- Orconectes limosus- Pacifastacus leniusculus)

    Informazioni tassonomiche la famiglia astacidae conta 3 generi (astacus-austropotamobius- pacifastacus) e in tutto circa 16 fra specie e sottospecie
    Il genere austropotamobius conta 3 specie tutte europee (pallipes-torrentium-italicus), la specie italicus conta 5 sottospecie (italicus-carsicus.-carinthiacus- meridionalis-lusitanicus)


    NB- In questa scheda (come in tutte le schede invertebrati) sono graditi i commenti-opinioni-esperienze personali e fotografie eseguite da voi stessi sull?invertebrato in oggetto.(inserendo un post in coda)
    Tutti i dati,opinioni e immagini ritenuti utili alla fine di una migliore conoscenza dell'animale stesso,verranno salvati e resi disponibili nel futuro Acquaribase ,dove verranno raccolte tutte le schede
    Grazie per la collaborazione


     

Condividi questa Pagina