Scheda: Pacifastacus leniusculus.

Discussione in 'Schede' iniziata da MisterG, 3 Settembre 2006.

  1. MisterG

    MisterG New Member

    Pacifastacus leniusculus


    Nome scientifico: Pacifastacus leniusculus
    Famiglia: Astacidae
    Ordine: Decapodi
    Classe: Malacostraca
    Descrittore(anno): Dana, 1852
    La famiglia ? stata definita da Latreille, 1802 e il genere da Bott, 1950
    Il leniusculus conta 2 sottospecie denominate: Pacifastacus leniusculus klamathensis e Pacifastacus leniusculus trowbridgii (entrambe da Stimpson, 1857)
    Sinonimi, nomi comuni e/o vecchie nomenclature: Astice della California, in inglese chiamato “signal crayfish” (gambero del segnale)
    Un vecchio sinonimo anteriore al 1950 ? Astacus leniusculus.


    [​IMG]
    immagine provv.
    Foto
    http://upload.wikimedia.org/wikiped...us_2.jpg/800px-Pacifastacus_leniusculus_2.jpg


    Biotopo d'origine: In fiumi e laghi della California, Idaho, Nevada, Utah, Oregon Washington, Colombia britannica.
    Presente sia in acque calde come in acque molto fresche
    Introdotto in alcuni stati Europei e in Giappone a partire dagli anni 70, all’inizio in modo volontario per favorire l’allevamento e la pesca
    In tempi recenti in alcuni paesi l’introduzione ? involontaria, oppure favorita da esemplari colpevolmente lasciati liberi (Italia compresa)

    parametri vasca di allevamento

    Grandezza minima dell'acquario: Acquario capiente e meglio dedicato alla sola specie, arredato con rocce e legni, da evitare la presenza di piante
    Zona occupata: Fondo, fra le rocce
    Parametri fisici e chimici dell'acqua: Sopporta bene temperature superiori a 25 gradi oppure molto basse, ma il range migliore per questa specie si colloca intorno a 15-18 gradi.
    Acqua ben ossigenata e ph neutro/alcalino
    Alimentazione: Onnivoro, animali morti, anellidi, lumache, piante e verdure tenere
    Compatibilit?: Non compatibile con piccoli e lenti pesci, lumache e piccoli crostacei

    Descrizione della specie

    Morfologia: Carapace robusto marroncino/verdastro, chele molto sviluppate e lisce, queste ultime presentano tonalit? rossastre e macchiature bianche e bluastre che hanno dato origine al nome comune americano (caratteristica la macchia bianca sull’articolazione delle chele)
    Taglia: In media 12-13 cm, ma alcuni esemplari maschi adulti raggiungono 17 – 18 cm
    Comportamento inter ed intraspecifico: Attivo maggiormente durante la notte, scava tane nel substrato o sotto le rocce, danneggia le piante, territoriale e pu? predare piccoli animali lenti
    Dimorfismo sessuale Maschio mediamente pi? grande
    Riproduzione: Maturit? sessuale quando raggiungono almeno 8 cm di taglia, larve rilasciate in primavera/estate a seconda della temperatura ambientale. Abbastanza prolifico e con sviluppo pi? rapido rispetto all’astice europeo

    Altre note: Insieme ad altre specie americane introdotte in Europa (Procambarus clarkii, Orconectes limosus), risulta vettore e resistente verso un parassita fungino che le specie autoctone non riescono a resistere e soccombono.
    Inoltre, rispetto alle specie europee risulta pi? prolifico e pi? resistente all’ inquinamento e alla distruzione dell’habitat naturale. Classificata specie invasiva e pericolosa in Europa e Giappone
    Informazioni tassonomiche La famiglia conta solo 3 generi (astacus – austropotamobius – pacifastacus) e in tutto circa 16 fra specie e sottospecie
    Hobbsastacus ? da considerare un subgenere di Pacifastacus
    Altri Pacifastacus sono: chenoderma – connectens – fortis – gambelii – nigrescens.
    Il leniusculus conta 2 sottospecie denominate: klamathensis e trowbridgii



    NB- In questa scheda (come in tutte le schede invertebrati) sono graditi i commenti-opinioni-esperienze personali e fotografie eseguite da voi stessi sull’invertebrato in oggetto.(inserendo un post in coda)
    Tutti i dati,opinioni e immagini ritenuti utili alla fine di una migliore conoscenza dell'animale stesso,verranno salvati e resi disponibili nel futuro Acquaribase ,dove verranno raccolte tutte le schede
    Grazie per la collaborazione
     
    Ultima modifica: 24 Gennaio 2007

Condividi questa Pagina